Skip navigation

E all’improvviso (è sempre, all’improvviso, sempre), tra lo sguardo della distanza, le nebbie e i rossori del mattino, l’intuizione, netta: la questione è un’altra. E che è sempre stato così, sempre, e nessuna voglia di saperla.

* * *

Una vita nella quale tutto non fosse altro che gesti.

* * *

I processi alle intenzioni sono sempre odiosi, kafkiani, e la condanna è sempre assicurata. Ma c’è di peggio: quando non c’è alcuna intenzione

* * *

Se non c’è nessuno, perché dire: «Non c’è nessuno»? 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: