Skip navigation

~

C’è stato un tempo in cui il nulla prorompeva in mezzo all’essere come una bestemmia, sconvolgendone le fondamenta e portando distruzione. Poi c’è stato il tempo del nulla vissuto come rimedio all’essere nei momenti di tempesta. Ora il nulla si sovrappone all’essere, e questo si mescola al nulla, spingendo le estreme possibilità della loro indifferenza. Nella tradizione buddhista il sé, l’io, sono qualcosa di illusorio, privi delle connotazioni così centrali nella psicologia occidentale. L’essere è il nulla, nulla è. E ora ciò avviene semplicemente, senza il sacrificio estremo dell’essere e senza il suo temporaneo appannamento. Impersonalità. Impermanenza. L’essere non è, naturalmente. Tutto è privo di senso, con una levità e leggerezza inaudite.

postato da error405 06/05/2004 19:13

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: