Skip navigation

~

[…] Ma si, rinunciamo alle illusioni di compiutezza, diciamocelo che ormai solo l’aforisma – buon vecchio Friedrich! – è la forma letteraria che ci è rimasta, l’unica ormai che ci possiamo permettere, approaching silence.

Dev’essere per un motivo analogo che, nonostante l’inaridimento, la poesia rimane ancora tra i miei interessi. La poesia laconica, alla Ungaretti, piuttosto, che so, al Pavese giovane.

La parola abusata, violata, non rispettata, non mantenuta, blaterata, mi fa sempre più propendere per il silenzio. Sono diventato più taciturno, se possibile, più di quanto non lo fossi già (deve essere difficile per tutti voi che siete lontani, rendervene conto). Solo se la parola è capace di condensare, di stratificare più cose e significati, può continuare ad affascinarmi. Molti anni fa, un cretino a cui per sbaglio diedi una copia del mio libriccino di poesia (sbaglio che non ho smesso di fare) mi disse che i miei testi erano “un po’ oscuri”. Ma cosa cazzo vogliamo illuminare?

postato da error405 06/05/2004 19:26

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: